ARTE E SCIENZA: GLI EQUILIBRI PERFETTI DI NUNZIO PACI

ARTE E SCIENZA: GLI EQUILIBRI PERFETTI DI NUNZIO PACI

11/05/2022

False Memorie è un progetto espositivo ricco e articolato, curato da Monica Zaghi, che propone – in tre tappe disseminate nel territorio bolognese – un approfondimento della ricerca artistica di Nunzio Paci. L’osservazione delle tele, dei disegni e dei “X-Rays” dell’artista emiliano posti in dialogo con gli studi scientifici del medico anatomista Luigi Calori offre lo spunto per affrontare alcuni interrogativi relativi al rapporto tra Arte e Scienza, tra Uomo e Natura.

Ulteriori informazioni
NATURA FRAMMENTATA. GIULIA DALL’OLIO AL KUNSTHALLE MANNHEIM

NATURA FRAMMENTATA. GIULIA DALL’OLIO AL KUNSTHALLE MANNHEIM

30/03/2022

La ricerca di Giulia Dall’Olio è in continua evoluzione ed è quindi interessante seguirne da vicino i vari progressi. Da qui il desiderio di approfondire lo studio che ha portato alla realizzazione dell’ultimo progetto espositivo, Imbalance, per il Kunsthalle Mannheim. Un allestimento che nel perimetro di un cubo propone una installazione imponente, una serie di disegni di piccolo formato, un olio su tela ed un’opera site-specific. Gli altri temi affrontati e approfonditi nell’intervista seguente spaziano dal ruolo della Natura, alle tecniche impiegate, dalla valutazione del possibile condizionamento del contesto ambientale sulla ricerca artistica a un excursus sulle altre occasioni che vedranno esposte le opere di Giulia Dall’Olio sia in Italia che all’estero.

Ulteriori informazioni
ITINERARI VISIVI. DAVIDE BENATI ALLA OTTO GALLERY

ITINERARI VISIVI. DAVIDE BENATI ALLA OTTO GALLERY

28/03/2022

Lontano dal frastuono dell’inaugurazione della mostra Pagine, avvenuta il 21 gennaio scorso presso la OTTO Gallery di Bologna, ho avuto occasione di conversare con Davide Benati e di cogliere, nella quiete piacevole della nostra conversazione, alcuni spunti che, in un secondo momento, gli ho chiesto di approfondire. È così che nasce il racconto seguente nel quale l’artista emiliano di fama internazionale ha riassunto – in prima persona – le ispirazioni e i contenuti della sua ricerca che si è sviluppata nel corso di più di 40 anni di carriera. Benati in tale scritto fa riferimento al suo rapporto con l’arte orientale, alle tecniche impiegate, al sodalizio esistenziale con Antonio Tabucchi, alla sua interpretazione della natura e del concetto di bellezza.

Ulteriori informazioni
NATURA E ARTIFICIO: ESPERIENZE DIFFUSE, SENSORIALI E IMMERSIVE A CUBO

NATURA E ARTIFICIO: ESPERIENZE DIFFUSE, SENSORIALI E IMMERSIVE A CUBO

24/01/2022

Intervista a FEDERICA PATTI di Maria Chiara Wang. In che rapporto possono coesistere e dialogare naturale e artificiale, permanente ed effimero, unico e plurale? Partendo dalla risposta a tale interrogativo Federica Patti offre un approfondimento accurato di quelle che sono le tecnologie e le tecniche impiegate e degli argomenti trattati in occasione della mostra MUTAMENTI. Le metamorfosi sintetiche di fuse* e Francesca Pasquali presso gli spazi di CUBO – Museo d’impresa del Gruppo Unipol in Porta Europa e Torre Unipol. Verranno così analizzate dalla curatrice del progetto le tematiche del machine learning, dibattuti i temi della dimensione metamorfica ed evolutiva della vita ed il concetto di sintesi, per approdare, infine, alla dimensione immersiva delle opere e all’importanza del coinvolgimento del pubblico.

Ulteriori informazioni
IL VIAGGIO DELLA MEMORIA. STEFANO W. PASQUINI PER CASA MORANDI

IL VIAGGIO DELLA MEMORIA. STEFANO W. PASQUINI PER CASA MORANDI

22/10/2021

Intervista a STEFANO W. PASQUINI di Maria Chiara Wang. Where does your memory go? // Dove va la tua memoria, personale di Stefano W. Pasquini a cura di Lorenzo Balbi – direttore artistico del MAMbo – Museo D’Arte Moderna di Bologna – presso Casa Morandi (BO), si offre al pubblico come un momento di confronto con l’artista bolognese sul tema della memoria, sulla pittura come medium privilegiato per la sua trattazione, sugli oggetti come ponte simbolico tra passato e presente, oltre che sul progetto online The Book of People, pensato e nato per mantenere il ricordo dei propri affetti. A completare la chiacchierata con Pasquini, un veloce approfondimento sul valore dell’immagine nella contemporaneità prendendo spunto dal numero 36 della zine Obsolete Shit pubblicato in occasione di tale esposizione.

Ulteriori informazioni
Il corpo rappresentato

Il corpo rappresentato

31/08/2021

ESPOARTE #114 (TRIMESTRE N.3 2021) Speciale sulla fotografia

Ulteriori informazioni
LA NATURA DI SILVIA MARGARIA TRA MEMORIA, CONSERVAZIONE E VISIONE

LA NATURA DI SILVIA MARGARIA TRA MEMORIA, CONSERVAZIONE E VISIONE

30/08/2021

Intervista a SILVIA MARGARIA di Maria Chiara Wang. A pochi giorni dalla chiusura della mostra La natura (non) ama nascondersi, personale di Silvia Margaria vincitrice del Premio Arteam Cup 2019, curata da Alice Zannoni e allestita presso CUBO – museo d’impresa del Gruppo Unipol – desideriamo approfondire, in una chiacchierata con l’artista, i temi che caratterizzano la sua ricerca, ovvero la natura, con le problematiche e gli interrogativi ad essa collegati, la dimensione del cammino, l’importanza della scrittura e il ruolo del tempo. Le considerazioni prendono il via da una riflessione più ampia che riguarda le tracce che la pandemia ha lasciato anche nella realizzazione di questo progetto espositivo.

Ulteriori informazioni
IL DESTINO DELLE IMMAGINI FOTOGRAFICHE. DARIO PICARIELLO A BOLOGNA

IL DESTINO DELLE IMMAGINI FOTOGRAFICHE. DARIO PICARIELLO A BOLOGNA

13/10/2021

Intervista a DARIO PICARIELLO di Maria Chiara Wang. L’acqua le bagna come il vento le calpesta – personale di Dario Picariello presso la Labs Contemporary Art di Bologna – si propone, a partire dagli spunti offerti dal testo critico a firma di Eugenio Viola, come un’occasione per indagare il ruolo e la funzione della fotografia e delle immagini oggi, in quella che Joan Fontcuberta definisce “epoca postfotografica”. La chiacchierata con l’artista prende dunque le mosse da tali riflessioni per stringere poi il focus sulle caratteristiche della sua ricerca: il riferimento ai canti popolari, la trattazione del tema della violenza, l’impiego di un particolare vocabolario espressivo, la risemantizzazione delle immagini.

Ulteriori informazioni
ESERCIZI PER LO SGUARDO, ODE AL CAPOLUOGO EMILIANO

ESERCIZI PER LO SGUARDO, ODE AL CAPOLUOGO EMILIANO

01/06/2021

Intervista a GIUSEPPE DE MATTIA di Maria Chiara Wang. Narrazioni brevi – prima personale di Giuseppe De Mattia nel capoluogo emiliano, ospitata alla Labs Contemporary Art – è una mostra che può essere letta su più piani. Da un lato vi è il racconto della relazione dell’artista con la città di Bologna, dall’altro lo sguardo si allarga al rapporto tra memoria e contemporaneità attraverso l’uso di media differenti come fotografia, video e disegno, in ultimo gli otto testi brevi, uno per opera in esposizione, a firma di altrettanti curatori, offrono l’occasione per indagare gli elementi della ricerca dell’artista pugliese e per approfondire temi più ampi legati al sistema dell’arte. Si giunge così a discutere di argomenti quali: il mercato dell’arte, la funzione della pittura, il ruolo e l’uso sia dell’immagine che della scrittura, l’autorialità.

Ulteriori informazioni
FIGURA, UOMO E PAESAGGIO. DA LIGABUE AGLI ARTISTI DEL PRESENTE

FIGURA, UOMO E PAESAGGIO. DA LIGABUE AGLI ARTISTI DEL PRESENTE

20/05/2021

Intervista a NADIA STEFANEL e a MATTEO GALBIATI di Maria Chiara Wang. ‘Abituare i nostri occhi a guardare oltre’, così le opere di Antonio Ligabue poste in dialogo con quelle di 11 artisti contemporanei sul tema della figura, ci invitano a superare le diffidenze nei confronti dell’arte del presente e a coglierne il valore. Nadia Stefanel e Matteo Galbiati, curatori della mostra Ligabue, la figura ritrovata. 11 artisti contemporanei a confronto, a partire da un nuovo corpus di opere di Antonio Ligabue selezionato da Francesco Negri, riaprono le porte del Salone dei Giganti di Palazzo Bentivoglio a Gualtieri (RE), con due nuclei espositivi che riflettono le due anime di Ligabue: una più aggressiva, feroce e rabbiosa, l’altra più delicata e sensibile. L’esposizione è, inoltre, l’occasione per affrontare temi differenti come quello del collezionismo, della conservazione e del restauro, del confronto tra generazioni di artisti, dell’importanza di tornare a fruire dell’arte dal vivo, in presenza, e molto altro ancora.

Ulteriori informazioni
EVOLUZIONI DEL SEGNO. CENTO ANNI DI ARTE ITALIANA

EVOLUZIONI DEL SEGNO. CENTO ANNI DI ARTE ITALIANA

11/05/2021

Recensione mostra 141 – Un secolo di disegno in Italia, a cura di Maura Pozzati e Claudio Musso, BOLOGNA | FONDAZIONE DEL MONTE DI BOLOGNA E RAVENNA | 27 APRILE – 24 GIUGNO 2021

Ulteriori informazioni
CLAUDIA LOSI. VIAGGIO TRA LUOGHI NATURALI E LUOGHI IMMAGINATI

CLAUDIA LOSI. VIAGGIO TRA LUOGHI NATURALI E LUOGHI IMMAGINATI

03/05/2021

Intervista a LEONARDO REGANO di Maria Chiara Wang Incontriamo Leonardo Regano, curatore per Claudia Losi di Being There_Oltre il giardino, progetto vincitore della IX edizione dell’Italian Council (2020), un work in progress che abbiamo desiderato approfondire e testimoniare sin dai suoi esordi. Si è da poco conclusa la prima tappa rappresentata dal workshop online che l’artista ha ideato in collaborazione con NTU-Centre for Contemporary Art di Singapore e le curiosità da soddisfare sono già numerose: come nasce e come si sviluppa questa indagine sulla percezione che l’uomo ha del ‘luogo naturale’? Quali sono le caratteristiche della ricerca di Claudia Losi? Quali altre Istituzioni nazionali e internazionali prenderanno parte a questa iniziativa articolata? Scopriamolo assieme.

Ulteriori informazioni
IMPRONTE. GIOVANI ARTISTI IN RESIDENZA

IMPRONTE. GIOVANI ARTISTI IN RESIDENZA

08/03/2021

Doppia intervista a Laura Rositani – vincitrice della call della Raccolta Lercaro per giovani critici – e a Claudio Musso – critico, curatore, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bergamo – esponenti del comitato curatoriale del progetto IMPRONTE, residenza per artisti under 30 della Fondazione bolognese.

Ulteriori informazioni
FROM LONDON TO FREE DERRY, RISCOPRENDO LA FIGURA DI GIAN BUTTURINI

FROM LONDON TO FREE DERRY, RISCOPRENDO LA FIGURA DI GIAN BUTTURINI

01/04/2021

Il 27 marzo presso lo Studio Cenacchi Arte Contemporanea di Bologna è stata inaugurata Save the Book – From London to Free Derry, photographs and situationist comics by Gian Butturini, una mostra in difesa della libertà di parola, immagine e pensiero, promossa dall’Associazione Gian Butturini. Abbiamo colto questa occasione per intervistare Gigliola Foschi, curatrice dell’esposizione, e raccogliere dalla sua voce una testimonianza importante sulla figura del fotografo bresciano, sul contesto più ampio in cui egli ha operato, nonché sul tema scottante della “cancel culture”.

Ulteriori informazioni